La pasticceria crudista di Grezzo Raw Chocolate firmata Nicola Salvi apre un secondo punto vendita a Roma, in pieno centro storico, in un palazzo del '500 di fronte alla Fontana delle Tartarughe, in Piazza Mattei. Con il nuovo pdv si apre spazio anche per nuovi prodotti.

Il secondo locale della Capitale si aggiunge a quello di Via Urbana 130, nel quartiere Monti, aperto nel 2014 e prima esperienza di pasticceria crudista (il punto vendita di Milano, invece, risulta temporaneamente chiuso).

 

 

Esordio al banco per la Dama e il Bocconotto

Oltre alle classiche proposte come il cioccolato crudo, la Sacher crudista e il gelato integrale senza latte e zucchero bianco, con la nuova apertura esordiscono il Dama, un dolce con crema di noci di macadamia, e il Bocconotto Dark,  frolla crudista a base di cacao crudo essiccata a bassa temperatura che racchiude una crema all’arancia. Tutti i prodotti disponibili nel nuovo punto vendita saranno senza glutine, lievito e latte. E visto che siamo nel cuore del Ghetto, saranno anche kosher.

Insomma, dopo 6 anni di attività - tre aperture, l'e-commerce e un grande laboratorio per  le preparazioni alle porte di Roma - l'intento di Grezzo è affermarsi in questa "nicchia" popolata da ingredienti biologici, processi produttivi a freddo, ricette inedite e focus sulla salute del consumatore.

Grezzo Raw Chocolate a Roma
Nicola Salvi nel nuovo pdv di Grezzo Raw Chocolate a Roma

 

«Bisogna tornare a credere nel futuro»

«Nel 2013», aveva raccontato Nicola Salvi a Dolcegiornale, «ho scoperto la cucina crudista, che non conoscevo: un mondo di preparazioni, dai piatti articolati e sofisticati, tutte preparate senza cottura e a base vegetale. Ho assaggiato alcuni dolci realizzati con tecniche di cucina crudista, ovvero senza latte, senza burro, senza farina, senza cottura. Ho anche provato un ristorante crudista in Thailandia, premiato tra i migliori 50 ristoranti al mondo, e sono rimasto molto deluso, soprattutto dai dolci. Così è nata l’idea di aprire Grezzo, che vuole coniugare i concetti crudisti con la grande tradizione della pasticceria italiana».

Certo, non è un momento di sole certezze per aprire una attività o un punto vendita nuovo. «Avviare una nuova attività su strada in questo periodo è una scommessa rischiosa, tuttavia credo che bisogna tornare a credere in un futuro fatto di socialità e incontri, di scambio e di comunicazione dal vivo, in cui il cibo diventa strumento di benessere e di umanità», spiega Salvi. «In questi anni le proposte di Grezzo sono cresciute costantemente grazie ad un intenso lavoro di ricerca e sviluppo per scoprire i confini della pasticceria crudista».

 

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here