Tre pasticceri per ogni squadra nazionale e un coach, 40 Paesi coinvolti per la seconda edizione del World Trophy of Pastry Ice Cream Chocolate sul tema "Alla scoperta del mondo del cioccolato e del caffè", promosso da Fipgc - Federazione Internazionale Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria, in programma dal 20 al 24 ottobre a Milano, nell'ambito di Host. Per prevalere non basterà una buona dose di “mestiere”, ma servirà anche un tocco artistico, perché i 160 pasticceri che si sfideranno, dovranno affrontare tre prove che prevedono la realizzazione di altrettante sculture (in cioccolato e cioccolatini, in zucchero e torta moderna, in zucchero in pastigliaggio e monoporzione gelato), rigorosamente composte con materiali alimentari. «Quest'anno abbiamo pensato di rendere ancora più spettacolare l'evento», dice Roberto Lestani, presidente FIPGG, «i pasticceri metteranno a frutto la propria cultura e la propria passione». La prima edizione dei mondiali di pasticceria aveva visto la vittoria del Giappone. L’Italia, che ottenne un prestigioso secondo posto due anni fa, dovrà vedersela con nazionali che in questi anni hanno dimostrato una enorme vitalità e creatività nell'ambito della pasticceria. In testa il Giappone, ma anche la Thailandia, il Perù, gli Stati Uniti, il Messico, e la nazionale degli Emirati Arabi, di cui si dice un gran bene. Per non parlare di teste di serie come la Francia, l'Austria, il Portogallo e la Germania. In parallelo, la sfida tra i campioni di cake design. Otto concorrenti singoli dovranno presentare due realizzazioni: una torta da esposizione, che porteranno da casa per la valutazione estetica, e una torta da realizzare sul posto, più piccola ma realizzata con la stessa tecnica, della quale si valuterà il gusto. In bocca al lupo alla nazionale italiana!

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here