A distanza di qualche anno dall’apertura del primo punto vendita, Al gelatone fa il bis: il noto maestro gelatiere Peppe Cuti, specializzato nella proposta di gelati senza glutine, lattosio e zucchero, apre un secondo punto vendita sempre nel capoluogo siciliano, una nuova location per chi il gelato vuole gustarlo anche in tarda serata sorseggiando, perché no, un ottimo cocktail.

Una gelateria, dunque, che si rivolge contemporaneamente a una clientela diurna e a una prettamente serale, un locale all’insegna del colore e dell’ironia che da luogo invitante per una sosta fresca e golosa sa trasformarsi in un’accattivante versione by night, dove l’illuminazione fa da protagonista indiscussa. Il locale, che si sviluppa a rettangolo allungato con un solo affaccio sul portico esterno, ha uno spazio al pubblico di circa 80 metri quadrati e un laboratorio, sul retro, di circa 40 metri quadrati.

All’interno lo spazio è stato organizzato in modo funzionale tale da permetterne una fruizione semplice e libera: lungo la parete di destra è stato collocato un grande bancone completamente rivestito in Corian e organizzato con due vetrine, per distinguere i prodotti per celiaci da quelli più tradizionali. Si tratta di una struttura dalle linee marcatamente contemporanee, definita da geometrie spigolose con angoli e tagli netti a sottolineare, anche attraverso i giochi di luce, l'aspetto tecnologico al servizio della qualità artigianale. Organizzato per la vendita, è corredato da una struttura centrale che eroga cascate di cioccolata calda e da una zona dedicata esclusivamente alla cassa, per permettere un flusso più regolare e organizzato. Di fronte prende vita una scenografica parete retroilluminata con una serie di riproduzioni giganti della classica e inconfondibile “paletta” per il gelato. Tutte realizzate in legno e laccate in un colore bianco ghiaccio, ricoprono anche parte del soffitto, illuminandosi di luce azzurra a creare un effetto scenograficamente perfetto. Lungo la parete alcune maxi “palette” in Corian si trasformano invece in originali piani d’appoggio corredati di grandi sgabelli in plexiglass.

In fondo al locale è stato collocato un nuovo bancone dalla forma eccentrica che rimanda ironicamente a una gigantesca scultura di ghiaccio: tutto interamente in Corian traslucente termosaldato e dotato di una serie di pozzetti per mantenere i prodotti alla temperatura adatta, serve l’area destinata alla somministrazione di granite e crepes. Qui si gioca con le tonalità del rosso lacca che ricopre interamente la parete curva di fondo, dove sono in mostra due scritte retroilluminate che ricordano ai clienti i prodotti serviti al banco.

 

Barbara Delmiglio e Chiara Naldini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here