Giovani gelatieri in campo a Torino, il 25 e 26 marzo. All'Ipssar “G. Colombatto” andrà in scena il Premio Gelato Giovani, alla sua seconda edizione. Si tratta di un concorso nazionale di gelateria riservato agli studenti degli ultimi due anni delle scuole di settore (istituti alberghieri e istituti professionali). Il concorso è stato ideato e organizzato dall’Associazione Pièce, che raggruppa professionisti impegnati nella formazione dei giovani. La direzione tecnica è affidata ad Alberto Marchetti, maestro gelatiere torinese, e al pasticcere e gelatiere Alessandro Racca.

Gara e approfondimenti sul gelato

In due giornate, il 25 e 26, è prevista sia la gara sia un programma di appuntamenti orientati all'approfondimento e allo studio. La gara e alcuni momenti di approfondimento destinati principalmente ai partecipanti e agli insegnanti accompagnatori si svolgono il 25 marzo. Il giorno successivo, al mattino, l’annuncio e premiazione dei vincitori. I ragazzi ricevono importanti opportunità formative, le loro scuole attrezzature professionali e forniture di materie prime. La giuria sarà composta da professionisti pluripremiati come Luca Bernardini e Gianfrancesco Cutell,i e da ben tre campioni del mondo: Antonio Capuano, Carmela Moffa e Filippo Novelli.

I migliori in scena il 26 marzo

Nel pomeriggio del 26 il premio si conclude con una masterclass gratuita e aperta al pubblico. Tre atti a quattro mani i cui protagonisti saranno Carmela Moffa & Antonio Capuano, Alberto Marchetti e Roberto Lobrano, Luca Bernardini e Alessandro Racca. Moderatore sarà Filippo Novelli.

Ecco il programma completo della masterclass:

Quando: 26 marzo, ore 14-17 

  • Carmela Moffa e Antonio Capuano - La forza del lavorare in coppia
  • Testimonianze dalla Coppa del Mondo di Gelateria
  • Luca Bernardini e Alessandro Racca - Il gelato incontra il semifreddo
  • Nocciola croccante con cuore di crema agli agrumi - segue degustazione
  • Alberto Marchetti e Roberto Lobrano – Cream in Show: mantecazione a -200°C
  • Il gelato “molecolare”: opportunità e limiti – segue degustazione

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here