Si terrà dl 2 al 5 febbraio l'edizione del cinquantenario di ISM, a Colonia (Germania) e premierà il made in Italy. Si tratta di una storica fiera del settore degli snack e dei prodotti dolciari, con superficie espositiva di 120mila metri quadrati dove sono attesi 38mila visitatori, che si terrà in contemporanea con ProSweets, il salone internazionale delle forniture per questi due macrocomparti dell’industria alimentare.

Premio a chi innova prodotto e packaging

Per l'amministratore delegato di Koelnmesse Italia Thomas Rosolia, «saranno poco meno di 180 gli espositori italiani presenti negli stand di ISM. Ci saranno molti “top exhibitors”: Babbi, Balconi, Elah Dufour, Majani, Melegatti, Paluani, Paolo Lazzaroni & Figli, Pastiglie Leone, Pernigotti, Roberto Industria Alimentare, San Carlo e molti altri. Una partecipazione che dimostra quanto sia apprezzata la formula della collettiva e soprattutto quanto ISM risponda alle necessità di una industria in continua trasformazione, per rispondere a un mercato alla ricerca di nuovi prodotti, di nuove idee, di nuovi valori che stanno cambiando i paradigmi dell’alimentazione». Alle aziende italiane più smart nel campo dell'innovazione è dedicata la terza edizione degli ISM Awards “L’eccellenza del Made in Italy”, che premiano le aziende italiane che si sono distinte per il miglior packaging e per l’innovazione di prodotto. La serata è in programma per il 3 febbraio, nella lounge di Koelnmesse Italia.

Un racconto in 60 secondi

La cinquantesima edizione di ISM includerà l’area New Snacks divisa in due “sezioni”. Da un lato i “Trend snacks”, dove saranno in scena le proposte “di tendenza”; dall’altro i “Natural Snacks”, ovvero merendine, dolci, tè, caffè o ingredienti esenti da additivi. Prevista un'altra novità, la Social Media Start-up Challenge. Uno spazio dedicato alle nuove realtà imprenditoriali del settore, che potranno presentarsi agli operatori presenti in fiera proponendo un video di 60 secondi. Un racconto breve ed efficace per portare la propria storia al mercato.

 

 

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here