Nicolò Moschella è un giovane e molto determinato ex allievo del maestro Massari, e ha già aperto un laboratorio tutto suo, a Cornaredo, per rifornire ristorazione e locali lombardi di raffinate monoporzioni. A firma sua, ovviamente. Non stupisce che Nicolò stia al passo con i tempi e abbracci la filosofia "green" che sta coinvolgendo anche il mondo dolce. Lo fa a modo suo, ideando una monoporzione chiamata Matchamisù, versione rivisitata di uno dei più grandi classici della nostra pasticceria: soffice crema al mascarpone e tè verde matcha al posto del caffè.

Solo da foreste certificate

moschella PACKAGING
Il Matchamisù firmato Nicolò Moschella

Le coppette utilizzate per contenere la monoporzione "green" ideata da Moschella sono in carta kraft ottenuta da fonti rinnovabili. Per realizzarle viene infatti utilizzata solo materia prima che proviene da foreste gestite in maniera corretta e responsabile, secondo rigorosi standard ambientali e sociali.

Anti-strappo e robusta al punto giusto

Si tratta di una carta che molti operatori del settore già conosceranno: estremamente resistente, viene prodotta da fibre vergini di cellulosa. Durante il processo produttivo viene estratta la cellulosa dal legno con una lavorazione che permette di mantenere delle fibre lunghe, ottenendo così un prodotto finito di ottima qualità, anti-strappo e robusto. Naturalmente color avana, è adatta all’uso alimentare. Essendo un prodotto del tutto naturale, va semplicemente gettato nella raccolta della carta in modo da essere riciclato.

NICOLO' MOSCHELLA
Nicolò Moschella

«Scelte sostenibili in laboratorio»

«Mi sono domandato - dice il giovane pasticcere - cosa potevo fare ogni giorno per improntare la mia attività ai valori della sostenibilità ambientale, effettuando delle scelte eco-sostenibili. Eliminare la plastica monouso è stato il mio primo pensiero, cercando dei prodotti utilizzabili in pasticceria amici dell’ambiente».

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here