Ideali per l'amato/odiato apericena, per un buffet o per un delizioso dopocena: i finger food dolci, idea gastronomica da gustare con le dita e tipicamente con un sol boccone, saranno protagonisti di un concorso alla Fiera di Padova a Tecno Bar & Food il prossimo ottobre, con il patrocinio della Federazione internazionale pasticceria gelateria cioccolateria.

Aperta agli chef di tutta Italia e... oltre

Dal 6 al 9 ottobre si svolgerà la sesta edizione dei Campionati internazionali di finger food. Per la prima volta ci sarà un concorso dedicato ai finger food dolci, l'8 di ottobre. "Finger dolce" sarà una competizione aperta a tutti cuochi italiani e stranieri che vogliano cimentarsi nell'ideazione di un'idea originale in materia. «È un concorso un po' diverso, che vuole aprire all'innovazione, visto che il finger food nasce salato», spiega Roberto Lestani, presidente Fipgc, che sarà in giuria. «Oggi il finger food dolce normalmente un elemento dell'offerta di banchetti e buffet, ma potrebbe diventare un'idea per le pasticcerie, perché no? Siamo aperti alla valutazione di idee nuove, sia nel mix caldo/freddo, su cui qualcuno potrebbe puntare, sia nell'uso di diverse strutture per questi mini dolci».

Il regolamento

Sponsor tecnico della manifestazione sarà Sirman, mentre accanto a quello di Fipgc c'è da registrare il patrocinio della Federazione italiana cuochi. La prova consisterà nella preparazione di quattro tipi di finger dolci. Due pensati e presentati caldi e due pensati e presentati freddi (entrambi per cinque persone, in totale parliamo di 20 pezzi). Da regolamento, nell'offerta dovranno essere presenti un finger di frutta fresca, uno con frutta secca, uno con il cioccolato e uno con un ingrediente mutuato dalla cucina salata. Il vincitore verrà premiato dal Consorzio Zafferano con il Gold Finger Dolce 2018, premio del valore di 700 euro. Il termine ultimo per le iscrizioni è il 15 settembre.

Conta il gusto, poi l'estetica

La giuria, composta da cuochi professionisti, sarà chiamata ad assegnare un punteggio in centesimi. Mise en place e professionalità nella preparazione conteranno per un massimo di 10 punti ciascuna. Più "pesanti" estetica (30 punti) e gusto (50 punti).

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here