Il verdetto di Barawards 2019, il premio all'eccellenza dell'ospitalità made in Italy organizzato da Dolcegiornale, Bargiornale e Ristoranti, è questo: Loretta Fanella vince nella categoria Miglior pasticcere dell'anno, la pasticceria Gruè di Roma in quella che riservata ai Bar/pasticceria/gelateria.

La giuria di 100 esperti food&beverage e giornalisti specializzati insieme al voto on-line con oltre 86mila preferenze espresse, ha decretato i vincitori. In lizza, in tutto, c'erano 225 locali, 374 professionisti e 79 prodotti finalisti, per un premio arrivato, quest'anno, alla quinta edizione. Una serata, quella andata in scena all'IBM Studio di Milano, molto "calda", con entusiasmo ed emozione che trasparivano da ogni tavolo.

Loretta Fanella vince il premio Callebaut Miglior pasticcere dell'anno

Pastry chef di fama, Loretta Fanella ha portato a casa il premio Callebaut per il Miglior pasticcere dell’anno. Tutto merito della nuova avventura che Loretta ha intrapreso quest'anno, il lancio del Loretta Fanella Pastry Lab. Un laboratorio di dolci per la ristorazione aperto nella sua Livorno e che le sta dando tantissime soddisfazioni. Del resto il suo curriculum è di tutto rispetto: esordio all'Antica Pesa di Fabio Tacchella, poi nel 2001 è Carlo Cracco a chiamarla nella pasticceria del suo ristorante. Nel 2003 parte per uno stage a El Bulli di Ferran e Albert Adrià, che si trasforma in un’offerta di lavoro. Torna in Italia nel 2006 e, dopo un paio d’anni all’Enoteca Pinchiorri, inizia l’attività di consulenza e formazione che l’ha portata anche a collaborare con la catena alberghiera Lungarno Collection a Firenze, fino agli ultimi traguardi e... ai Barawards!

Il resto del podio, accanto a Loretta, è stato un trionfo di giovani talenti: Giacomo Besuschio, della storica Pasticceria Besuschio di Abbiategrassso, classificato in seconda posizione, e Marcello Salvatori della pasticceria Ziva di Milano.

Ecco la top ten dei professionisti della pasticceria dei Barawards 2019:

  1. Loretta Fanella Loretta Fanella Pastry Lab, Livorno
  2. Giacomo Besuschio Pasticceria Besuschio, Abbiategrasso (Mi)
  3. Marcello Salvatori Paticceria Ziva, Milano
  4. Domenico Di Clemente Four Seasons Hotels Firenze, Firenze
  5. Giuseppe Zippo Le Mille Voglie, Specchia (Le)
  6. Dario Nuti The Rome Cavalieri Hotel, Roma
  7. Dario Beluffi Bel.co, Bareggio (Mi)
  8. Luca Lacalamita Lula- Pane E Dessert, Trani
  9. Carmelo Sciampagna Sciampagna, Palermo
  10. Anna Sartori Pasticceria Sartori, Erba

Gruè vince il premio Bloom Coffee School per la Pasticceria dell’anno

Sul palco di Barawards è salita anche Marta Boccanera. Gruè Pasticceria, di Roma, locale che Marta gestisce assieme a Felice Venanzi e che di recente è entrato nell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, si è aggiudicata il Premio Bloom Coffee School per la Pasticceria dell’anno. Si tratta di una pasticceria-caffetteria accogliente e di grandi dimensioni (200 mq), nella esclusiva zona dei Parioli. Moderno e colorato, ha un laboratorio super attrezzato di 300 mq da cui escono monoporzioni e mignon, gelati, torte e praline. Non manca poi la pasticceria salata e persino una produzione di pane.

Sul podio una delle ultime creature dell'imprenditrice del food Ilaria Puddu, la pasticceria Gelsomina di Milano, e Ciokkolatte di Padova, in terza posizione.

Ecco la top ten dei locali dei Barawards 2019:

  1. Grué, Roma
  2. Pasticceria Gelsomina, Milano
  3. Ciokkolatte - Il gelato che meriti, Padova
  4. Pasticceria Martesana, Milano
  5. Le mille voglie, Specchia (Le)
  6. Caffè Spinnato, Palermo
  7. Su Tiramisù, Roma
  8. Pandenus Gae Aulenti, Milano
  9. Bedussi, Brescia
  10. Marlà, Milano

Sul sito di Bargiornale si possono leggere le classifiche e i profili dei vincitori di tutte le categorie di Barawards 2019: i locali premiati e i professionisti vincitori, oltre ai prodotti, servizi e attrezzature più innovativi per il mondo del fuoricasa che si sono aggiudicati il premio Barawards Innovazione dell'anno.

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here