Treviso dedicherà un museo al dolce più discusso d'Italia, il tiramisù, e lo farà in modalità partecipata: da qualche giorno presso la Casa dei Carraresi è attivo lo Sportello del Tiramisù e chiunque voglia condividere una ricetta, un ricordo, una foto, un aneddoto legato al dolce simbolo della pasticceria italiana potrà consegnare il suo materiale al ristorante Le Beccherie.

I ricordi finiscono nelle mani di Carlo Campeol, figlo di Alba Campeol, che codificò il tiramisù e lo inserì in menu nel 1962 nel suo ristorante. Questa versione particolare di uno "sportello ascolto" (ma esiste anche la possibilità di inviare i materiali all'indirizzo e-mail segreteria@tiramisubeccherie.it) è stata pensata per evitare il disperdersi della memoria orale che è parte integrante di un prodotto culinario come questo, carico di legami con il vissuto di un territorio. Ma servirà anche, concretamente, a raccogliere il corpus di cimeli che andranno a comporre la collezione del Museo del Tiramisù. «Il successo del Tiramisù nel mondo lo dobbiamo a tutti i cittadini di Treviso e ai trevigiani nel mondo, che hanno saputo custodire gelosamente la ricetta di questo dolce e farlo conoscere nei cinque continenti con un pizzico di creatività», affermano in una nota diffusa alla stampa Carlo Campeol e Paolo Lai, l'imprenditore che oggi guida Le Beccherie e ha ideato la mostra Prosecco & Superiore ai Carraresi e di Carraresi Wine. «Con questo progetto si vogliono superare le polemiche sorte nei mesi scorsi tra Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Il nostro obiettivo è quello di offrire ai turisti di tutto il mondo una delle più belle storie di prodotto italiano». Lo sportello è al piano terra di Casa dei Carraresi che, dall’11 novembre all’1 maggio, ospita la mostra Prosecco & Superiore ai Carraresi. I materiali raccolti saranno poi vagliati da un comitato scientifico prima di entrare definitivamente nel progetto del museo partecipato.

Ernesto Brambilla

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here