Latte, panna, uova, frutta e neve. Una combinazione di materie prime che certo non manca in montagna, unita al favore della natura che permette la conservazione del gelato. Anche per questa particolare disponibilità, la tradizione centenaria del gelato artigianale persiste sulle Dolomiti bellunesi e sabato 29 e domenica 30 luglio viene celebrata nella manifestazione GelatiAMO a Dont, in Val di Zoldo.

La giornata di sabato sarà dedicata soprattutto ai bambini, con laboratori manuali e creativi dalle ore 16.00. Dalle 17.00 le dimostrazioni dei Maestri Gelatieri con le macchine d’epoca restaurate di fine ‘800. Domenica saranno all'opera Dimitri Panciera, gelatiere di Forno Zoldo entrato nel Guinnes World Record per il cono con più palline (ben 121) e Giancarlo Visca con prove di abilità e degustazioni.

Oggi sono in pirma fila i giovani della cosiddetta "Valle dei gelatieri" che hanno deciso di portare questa tradizione in giro per l'Italia. Tra loro Chiara, Stefano e Andrea Soban, eredi di una famiglia che si è gudagnata l'appellativo di "famiglia del gelato per eccellenza" dalla guida del Gambero Rosso, con laboratori in Piemonte e a Trieste. Ma gli abitanti della Val di Zoldo e del Cadore divennero gelatieri già a fine '800 e complice una significativa migrazione verso il nord Europa divennero venditori ambulanti di gelato in estate e di caldarroste e mele caramellate d'inverno.

Il gelato artigianale del Cadore veniva preparato in tinozze a mano, congelato con ghiaccio e sale e poi sistemato in tini di legno, isolati da dei sacchi per mantenerlo solido. Oggi, naturalmente, la produzione sfrutta macchinari moderni, ma il gelato artigianale del Cadore è inserito nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali e l'associazione dei Gelatieri Zoldani ripropone la produzione del gelato artigianale con le antiche attrezzature di un tempo, azionate manualmente dal gelatiere e raffreddate con una miscela di ghiaccio e sale.

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here