L’olio in pasticceria? Assolutamente si, e non solo per i fritti. Lo hanno dimostrato i giovani pasticceri under 30 selezionati dal critico gastronomico Luigi Cremona, che durante il recente Sigep di Rimini si sono cimentati nella prima edizione del contest Emergente Pastry Chef, sfida dedicata ai giovani pasticceri che lavorano in un ristorante.

Una competizione promossa da Olitalia e che è stata l’occasione per presentare Evoloso il nuovo extravergine lanciato dall’azienda forlivese (certificato VeganOK) pensato per la pasticceria: un olio delicato e dai leggeri sentori di mandorla fresca, che si presta particolarmente alle preparazioni dolci, sviluppato dall’azienda in collaborazione con Ampi e Cast Alimenti.

I partecipanti - Alberto Ziggiotto di Gellius, Elisa Zanelli di Rose a Salò, Cristina La Capra dell'Hotel Bulgari, Francesco Gatti dell'Excelsior Gallia, Christian Marasca de Zia Restaurant, Melissa Dolci di Pipero - sono stati chiamati a cimentarsi sulla preparazione di tre finger food di pasticceria salata e un dessert al piatto. La qualificata giuria ha assegnato il premio per la pasticcieria salata ad Alberto Ziggiotto, mentre quello per il dessert al piatto è stato assegnato a Melissa Dolci.

Vincitrice assoluta per la giuria è risultata invece Eliza Zanelli di Rose, la cui preparazioni erano contrassegnate dalla ricerca e valorizzazione dei prodotti del territorio gardesano. Nello specifico, la giovane pasticcera di Salò ha proposto, per i finger food salati, una finta oliva realizzata con radici di scorzonera, pastinaca e rapunzia fermentate, il krapfen con aole di lago (piccoli pesciolini tipo arborelle) e il wafer croccante all’olio e cervo in civet, mentre nel suo dessert protagonista è stata una mela cotta al sale, gelato alla ruta su un sablé all’olio, il tutto utilizzando l’olio Evoloso come fil rouge delle preparazioni.

I finger food salati proposti da Elisa Zanelli: il krapfen con aola di lago, il wafer al civetta di cervo e la finta oliva

Marina Bellati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here