Ecosostenibile, dal design raffinato, offre un gelato preparato con materie prime bio e che si adatta alla stagionalità. Questo ormai è il profilo "must" della gelateria metropolitana, e non fa eccezione Nosh, che si presenta come una "boutique" del gelato in quel di Milano.

Il team di Nosh: Fabio, Antonella e Beatrice

Un sogno nato negli anni '80

Si trova in via Boccaccio, a pochi passi dalla stazione Cadorna, e nasce da una iniziativa di Antonella Vienna (che ancora aveva nel cuore Gelateria Ecologica, storica gelateria milanese degli anni Ottanta che lei stessa da giovane sognava di rilevare) e Fabio Finizza (è lui che mette mano al mantecatore). Accessori e packaging in PLA, compostabili e plastic free. Scelta delle materie prime attenta, tutto rigorosamente bio e stagionale. Solo ingredienti selezionati e provenienti da piccoli produttori: latte, panna, farina di carrube, frutta e zucchero. Il latte arriva ogni giorno a Milano, entro 24 ore dalla mungitura, da un allevamento della Valtellina. Frutta e ortaggi sono di piccole aziende agricole del territorio lombardo (per esempio per fragole, lamponi, more e mirtilli) o, in qualche caso, extra regione ma italiane al 100%.

 

 

Oltre ai classici, i gusti vegani e quelli "di stagione"

I gusti: ci sono, oltre ai classici, anche i vegan e gluten-free. I cioccolati sono tutti a base acqua, come i gusti alla frutta, rigorosamente stagionali, che utilizzano solo gli zuccheri presenti naturalmente nella polpa. Nella "carta" autunnale spiccano i gusti dattero, marroni, zucca e amaretto, sorbetto al Mandarino. E poi il gelato al fico, sa assaggiare da solo o con la ricotta.

Il gusto signature è alla lavanda

L'interno della gelateria Nosh è in stile rétro ed è curato dal noto interior designer Andrea Castrignano, con boiserie e dettagli che riportano dentro ad alcune pasticcerie parigine. Lo stesso gusto signature della gelateria, il gusto Nosh appunto, è legato all'interior design. Si tratta di un gelato alla lavanda che celebra il color "Provenza", scelto da Castrignano quale motivo trainante del design della gelateria di via Boccaccio.

 

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here