A partire da questo autunno, circa 5.000 coltivatori di cacao Fairtrade coinvolti nella filiera di Ben&Jerry’s riceveranno circa 600.000 dollari in più all’anno. Si tratta di una iniziativa coordinata tra il brand di gelateria e il marchio di certificazione del commercio equo, che opera per agevolare le relazioni commerciali attraverso prezzi migliori, condizioni di lavoro dignitose per agricoltori e lavoratori nei paesi in via di sviluppo.

L'importo di 600.000 dollari l'anno si aggiunge al Premio Fairtrade annuale di circa $ 970.000 dollari e al prezzo minimo del cacao imposto dal governo ivoriano (che tutte le aziende sono tenute a pagare). L'obiettivo è aiutare i coltivatori a colmare il divario di reddito, elevandolo a un livello più dignitoso.

 

 

Il nemico è la povertà, la speranza è in un reddito più giusto

Il business legato alla coltivazione del cacao è piuttosto difficile. C'è un elevato rischio di perdite causate dai danni derivanti dai cambiamenti climatici e dalle condizioni meteorologiche estreme. La volatilità dei prezzi può portare i piccoli coltivatori a incontrare un forte vento avverso, vista la loro scarsissima influenza, mentre i metodi di coltivazione tecnologicamente avanzati - che porterebbero rese migliori e potrebbero contrastare l'imprevedibilità del clima - non sono accessibili per chi versa in condizioni di povertà. Non solo: spesso gli agricoltori necessitano di cose basilari, come alloggi, assistenza sanitaria, acqua pulita, istruzione per i bambini. Per questo è importante il riconoscimento di un premio sul prezzo del loro cacao.

Serve migliorare la produttività

La collaborazione tra i gelati Ben&Jerry's e Fairtrade non è novità dell'ultimo minuto: il premio che il brand di gelato pagherà è l'ultimo passo del pacchetto di interventi  implementati insieme a Fairtrade a partire dal 2015. Queste attività includono miglioramento della produttività, diversificazione delle colture e un rafforzamento delle cooperative, che insieme supportano una strategia per un reddito dignitoso per il futuro. L’aumento dei prezzi sarà monitorato da vicino attraverso i partner sul territorio per capire esattamente come poter contribuire uno stile di vita sostenibile per gli agricoltori.

 

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here