Lo scorso ottobre ha aperto a Milano, in via Cusani, Cerdini & Quenardel - Gelato & Champagne, concept store di due aziende francesi molto note in patria che hanno deciso di unire le forze per presentarsi sul mercato italiano. Cerdini è un marchio di gelateria, pasticceria e cioccolateria artigianale fondato da un italiano negli anni ‘30. Quenardel è un produttore di Champagne dal 1906. Artefici dell’operazione sono le giovani generazioni delle due aziende, Alexandre Quenardel e Pierre Cerdini, insieme al socio italiano Matteo Corbetta.

Il locale milanese è, insieme, spazio di degustazione e negozio monomarca per la vendita delle specialità delle due aziende. Sugli scaffali è possibile trovare le sette referenze Quenardel, compresi i millesimati e le riserve più pregiate, tutte disponibili in qualsiasi momento per la degustazione al calice (prezzi a partire da 15 euro).

Lato food, l’offerta abbraccia macaron dolci, praline, marrons glacés in stagione, oltre a una selezione di gelati e sorbetti da gustare sia da soli che insieme allo Champagne.

Tra i sorbetti, spiccano quelli 100% Champagne declinati a seconda del prodotto di partenza (rosé, blanc de blancs, brut) e che alla degustazione, racconta Alexandre Quenardel, «presentano le stesse differenze che si sentono nel bicchiere».

Per l’aperitivo l’accento è sull’abbinamento degli Champagne maison con i macaron salati - per esempio nei gusti foie gras, grana, gorgonzola, bruschetta.

Il locale milanese è, nell’intenzione dei soci, il terreno di prova per testare un concept da replicare in Italia e all’estero. La prossima apertura, tra qualche mese, sarà in una zona di Milano meno turistica ma più frequentata dai milanesi: «Un locale più grande, con sei vetrine, dove l’accento sarà sul bar e sul momento dell’aperitivo, con cocktail a base di Champagne studiati da un mixologist», anticipa Quenardel.

Oltre ai macaron salati, l’accompagnamento food comprenderà anche un’offerta di stuzzichini - come taralli e focaccine - studiati su misura per Cerdini & Quenardel da un panettiere milanese.

Flavia Fresia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here