Gianluca Fiorentino, 32 anni, napoletano di origine, da alcuni anni vive e lavora nel Canton Ticino. Era uno dei tre componenti della squadra nazionale svizzera, che nella finale della Coppa del mondo di pasticceria, gelateria e cioccolateria Fipgc a Host 2017 ha vinto il primo premio nella categoria dessert al piatto.Gianluca Fiorentino Dolce al piatto

«Dal punto di vista personale, una gioia unica - racconta il giovane pasticcere - Sul fronte lavorativo, sono ancora più umile, perché ho visto che c’è ancora tanta strada da fare per arrivare in alto e io, finora, ho fatto solo piccoli passi». Dal punto di vista economico, invece, le ricadute della vittoria sono nulle: «In Svizzera la partecipazione ai concorsi non è sentita, non porta business». Nonostante questo, Fiorentino sta facendo tesoro della partecipazione sia al concorso di Host Milano, sia alla successiva finale mondiale di Rimini, dove la squadra elvetica non è riuscita a salire sul podio. «In gara ho avuto modo di vedere quanta passione per il mestiere c’è nei professionisti, ho capito che ci sono tante persone come me e che non sono solo. Ho stretto mani di mostri sacri della pasticceria, ho conosciuto persone stupende, ancora umili e con voglia di imparare dopo tutti i traguardi raggiunti».

Una lezione che Fiorentino sta mettendo in pratica. Approfittando di una pausa nella sua carriera, sta studiando per diventare specialista di gestione aziendale per piccole e medie imprese con indirizzo pasticceria. Il sogno: mettersi in proprio e aprire un laboratorio di alta pasticceria sperimentale a Zurigo. «Un posto dove non si entri solo per gustare un dolce, ma per vivere un’emozione - racconta - Un’offerta composta di pochi pezzi, curati nei dettagli. Buoni dolci oggi si possono mangiare ovunque, ma pochi ti fanno fare “wow”. Voglio stupire».

Flavia Fresia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here