Nonostante i suoi 78 anni il Pinguino ha ancora voglia di rinnovarsi, e ai classici gusti Crema, Caffè Vergnano, Gianduja, Nocciola, Menta e Viola si aggiunge ora il Pinguino alla Rosa (ulteriore novità dopo il recente gusto al Vermouth prodotto in collaboraizone con Vermouth Cocchi di Torino presentato a settembre scorso al Salone del Gusto). È il più recente passaggio di una storia importante, quella del primo gelato su stecco ricoperto di cioccolato, ideato da Gelati Pepino nel 1939. Edoardo Cavagnino, 33 anni, è oggi presidente della storica gelateria di Avigliana (Torino). «L’idea del gusto alla rosa», spiega Cavagnino a dolcegiornale.it, «nasce con lo sviluppo della nostra catena di Pinguinerie, le nostre gelaterie monomarca. Una delle ultime aperte è all’interno dei giardini della Reggia di Venaria, nella ex Gelateria delle rose posta proprio nel roseto. La Pinguineria delle Rose è stata inaugurata a inizio giugno e in onore a questa collaborazione abbiamo dedicato alle rose un gusto e un packaging ad hoc». L’esperienza maturata con il gusto alla viola è stata utile: «Naturalmente anche per la rosa compriamo un’essenza già preparata, non ci mettiamo a “gestire” direttamente dei fiori”, continua Cavagnino, «ma partiamo da un semilavorato che viene, però, aggiunto a una base fatta di crema senza uovo, per non coprire il gusto dell’ingrediente principale. Metterlo in produzione è stato piuttosto semplice». Gelati Pepino 1884 è nata dall’impegno del gelatiere Domenico Pepino, trasferitosi a Torino da Napoli nel 1884, ma dal 1916 l’attività è stata rilevata dal commendator Cavagnino. Il rapporto con la Venaria Reale è un ritorno alle origini, visto che già nei primissimi anni di vita della gelateria il fondatore era diventato fornitore ufficiale della Real Casa. Oggi, oltre ai monomarca, i prodotti di Gelati Pepino vengono distribuiti anche nei corner presenti, tra l'altro, nel Museo della Mole Antonelliana a Torino.

Il packaging dedicato al nuovo gusto alla Rosa

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here