Se ancora qualcuno avesse dei dubbi, eccoli smontati: il gelato parla italiano. Siamo i primi produttori di gelato nell'Unione Europea secondo i dati diffusi da Coldiretti in occasione del salone internazionale di gelateria, pasticceria e panificazione artigianali Sigep a Rimini. Nonostante l’estate sia la stagione d'elezione per il gelato, nell’anno appena concluso pare essersi verificata una tendenza alla destagionalizzazione. Le stime parlano di un +10% nei consumi annuali, che in Italia superano i 6 chilogrammi pro capite prodotti da quasi 40mila gelaterie (con 150mila addetti).

Siamo i re in Europa: con i nostri 595 milioni di litri siamo il primo produttore della UE, con circa il 19% dell’intera produzione comunitaria (che consta di 3,2 miliardi di litri). Un primato ottenuto grazie al sorpasso nei confronti della Germania, la quale lo ha detenuto per oltre 20 anni ma che, precisa Coldiretti riprendendo i dati Eurostat diffusi la scorsa estate, adesso sarebbe ferma a 515 milioni di litri seguita dai cugini francesi (che ne fanno segnare 454 milioni). Poi Spagna e Polonia.

Tra le novità dell’ultimo anno Coldiretti registra un vero boom delle consegne a domicilio (del resto ne avevamo parlato anche su Dolcegiornale), con i maggiori operatori di food delivery ormai lanciati sul business delle consegne "fredde". Da segnalare anche il boom delle agrigelaterie, che garantiscono la provenienza della materia prima dalla stalla alla coppetta.

Quello del gelato in se non è l'unico successo tricolore: nel settore delle macchine per gelato siamo quasi monopolisti e la fetta di mercato mondiale dell'Italia si attesta intorno al 90 per cento. L'unico aspetto su cui facciamo ancora fatica sono le esportazioni, visto che il consumo è quasi tutto interno. Ma i mercati "caldi" come Stati Uniti e Sud America non aspettano altro e paiono pronti ad accogliere il gelato artigianale italiano.

Dolcegiornale ne ha parlato proprio durante Sigep 2018 durante il convegno Going Global organizzato da Sistema Gelato, una realtà che aiuta le aziende del settore nel processo di internazionalizzazione. Secondo una ricerca presentata dalla Camera di Commercio italo-americana di Miami il mercato del gelato artigianale vale 430 milioni di dollari negli Usa e le vendite sono cresciute del 32,3% nel 2016 rispetto all'anno precedente. Gli Stati Uniti rappresentano un mercato acerbo con enorme potenziale, con oltre 320 milioni di abitanti che cominciano a conoscere bene il prodotto e solo 1.000 gelaterie artigianali presenti sul territorio.

Ernesto Brambilla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here